Museo Civico

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Sorto nel 1907 grazie alle generose donazioni di alcuni privati cittadini, il Museo si è in seguito arricchito di ulteriori testimonianze della storia e della cultura del territorio circostante. Depauperato di buona parte delle raccolte alla fine della Seconda Guerra Mondiale, venne ricostituito nel 1969 nell'attuale sede di Palazzo Quartier Fino.
Sua peculiarità è di essere un museo misto e del territorio, che raccoglie cioè oggetti di epoca e tipologia diverse, reperiti nella maggior parte dei casi nel fiume Adda o nel territorio del Comune e distribuiti per sezioni.

esternomuseo3

Sezione paleontologica e preistorica

Vi sono esposte parti dell'apparato scheletrico di animali vissuti durante il Pleistocene superiore (35.000-10.000 anni fa) e manufatti del Neolitico e dell'Età dei Metalli. Animali: Mammuthus primigenius, Megaloceros euryceros, Ursus arctos, Bison priscus. Tra gli utensili figurano raschiatoi in selce del Neolitico, resti di vasellame dell'Età del Bronzo, pesi per telai, recipienti e monili dell'Età del Ferro.

paleo

Sezione romana

Raccoglie oggetti di uso quotidiano e militare: anfore, embrici, pesi per stadera, cucchiai, lucerne, borchie, spilloni, proiettili per fionda, punte di lancia. Il pezzo più significativo è un’iscrizione in bronzo del II secolo d.C.

anfore

Sezione delle armi

Annovera armi bianche comprese tra il XIV e il XX secolo: tra di esse, si ricordano una celata del XIV -XV secolo, pugnali baselardi, una daga cinquedea di epoca rinascimentale, stocchi, spade e armi in asta. Completa il nucleo un piccolo gruppo di armi da fuoco: la canna di un archibugio del XVI-XVII secolo e fucili databili tra XVIII e XIX secolo.

sala armi 2

Sezione delle terrecotte e degli oggetti d'arte

Ospita pezzi di tipologia diversa, compresi tra il XV e il XVIII secolo: terrecotte decorate, una tavoletta da soffitto, capitelli e statue rinascimentali, intarsi marmorei e lignei del XVIII secolo.

scultura

Sezione dei monumenti e della storia di Pizzighettone

Vi sono conservate stampe, chine e dipinti che raffigurano la fortezza e i monumenti del paese.

gera

Sezione d'arte contemporanea

Costituita negli anni Settanta del XX secolo, comprende opere di Enrico Della Torre, Piero Giunni, Pietro e Dimitri Plescan, Gina Maffei, Luigi Dragoni, Pierluigi Lavagnino, Giancarlo Ossola, Mario Negri, Paolo Schiavocampo, Gabriella Benedini, Gino Meloni, Silvano Scheiwiller e altri, illustrando, pur nelle ridotte dimensioni, esempi pregevoli della produzione artistica italiana del Novecento.
Il Museo organizza periodicamente varie iniziative culturali.
Il Museo esplica un'intensa attività didattica, con proposte di visite guidate – all'intero percorso o a singole sezioni – ed attività di laboratorio.

Presso l'adiacente Biblioteca sono consultabili testi di museologia e – per gli studiosi - l'archivio fotografico del Museo.

 arte cont

Responsabile: Damiana Tentoni

Sito del Museo: http://www.museocivicopizzighettone.it

Blog Museo e Biblioteca: http://culturapizzighettone.blogspot.it

Profilo Facebookhttps://www.facebook.com/cultura.pizzighettone

E-mail del Museo: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Tel. e fax: 0372/743347

Orari di apertura:

Mercoledì, venerdì e sabato: 9-12.30
L’accesso è consentito su richiesta dal lunedì al venerdì dalle 15 alle 18.30. Le aperture festive si effettuano in occasione delle iniziative del Museo o delle manifestazioni organizzate nel paese.
Ingresso gratuito.

 

 

 

Informazioni aggiuntive

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso. Accetto i cookies per questo sito. Guarda nel dettaglio i termini della legge privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.